La genitorialità è nei dettagli. È il numero di once per poppata, le ore trascorse durante la notte, i minuti che scorrono durante il congedo parentale mentre navighi insonne in un'ondata di problemi quotidiani. È un lavoro costante, impegnativo ed estenuante.



Ma non è il nostro unico lavoro. Nessuno ha detto che rientrare nel mondo del lavoro dopo il congedo parentale sia facile. Ma se sei come me, probabilmente hai pensato che la genitorialità sarebbe stata un interruttore che potresti attivare e disattivare. E quando ci rendiamo conto che non lo è, siamo improvvisamente a un bivio nella nostra carriera. Eravamo preparati per i dossi lungo la strada, ma non per il premio che la società attribuisce alla perfezione a casa e al lavoro.



Un recente studia ha scoperto che circa la metà dei nuovi genitori, sia uomini che donne, accetta un lavoro per meno soldi presso un datore di lavoro adatto alle famiglie una volta rientrati nel mondo del lavoro. Considerando il boom in millenial che hanno figli , le organizzazioni devono fornire ai dipendenti vantaggi che garantiscano il successo della loro transizione da casa a lavoro. Non solo per i genitori, ma per gli obiettivi di crescita e fidelizzazione delle aziende.

Pressione per la perfezione

È una verità inevitabile che le persone non possono essere perfette. Ma i nuovi genitori che tornano nel mondo del lavoro possono perderlo di vista. Uno studio riportato che un quarto delle mamme lavoratrici si piega sotto la pressione di 'volere tutto' e piange una volta alla settimana. I bisogni e i desideri della famiglia si radicano in ogni momento della nostra giornata. Siamo genitori quando siamo alla nostra scrivania, in una riunione, in una chiamata: non è che sia difficile staccare la spina, è che non possiamo.

Tornare dopo il congedo di maternità non mi sembrava di tornare al mio vecchio lavoro. È stato come iniziarne uno nuovo. Tutto, dalle comunicazioni interne dell'azienda alla struttura del mio team, era cambiato durante la mia assenza. Avevamo persino acquisito una nuova società. A quel tempo, non c'erano state molte dipendenti in gravidanza prima di me, ma sapevo che non avrei potuto essere l'unico genitore dipendente che si sentiva sopraffatto.


numeri angelici 77

La necessità di alleati

Tornare a lavorare come un nuovo genitore non è un viaggio per navigare in un silo. Colpisce il team e influisce sulla propria capacità di lavorare. Quando si cerca di trasformare piani piacevoli in bisogni reali e indirizzati, gli alleati fanno la differenza.

Ho avuto la fortuna di avere un manager di supporto. Durante lo smistamento del lavoro che ho perso in ferie, lui e il team sono stati pazienti, controllando e non mettendo mai in discussione i blocchi di tempo non contrassegnati sul mio calendario (riservati all'estrazione). Ma non esisteva una struttura chiara per il reinserimento dei dipendenti dopo il congedo parentale. Ho iniziato a creare il mio onboarding mentre andavo e alla fine sono entrato in contatto con un altro genitore a Sprout, una mamma di due figli. Costruire questa relazione è ciò che mi ha aiutato di più mentre mi riabituavo al posto di lavoro.


numero 417

Mi sono imbattuto in questo collegamento, ma se le aziende danno proattivamente ai neo genitori il supporto di cui hanno bisogno per avere successo, possono garantire che i genitori si sentano più a loro agio durante questo periodo di stress di punta. La relazione che ho menzionato prima mi ha mostrato quanto possano essere importanti gli alleati. È anche ciò che ha evidenziato la necessità di un sistema integrato.

Sebbene il mio team all'epoca fosse comprensivo, i ragazzi facevano fatica a entrare in empatia con le sfumature dell'essere una neo mamma e cosa ci voleva per adattarmi a questi cambiamenti sul lavoro. Quando si presentavano questioni personali e private, non erano sicuri di cosa dire o come aiutare. Dopo la prima settimana, la maggior parte aveva smesso di fare il check-in. Sapevo che poteva essere migliore.

I dipendenti sanno di non essere soli come genitori, ma la realtà è che le sfumature personali di ciò che stiamo bilanciando tra casa e lavoro possono sembrare isolanti. Una squadra può fare del suo meglio per capire, ma avere altri nella stessa barca con cui parlare è il tipo di supporto che fa la differenza.

Una calda accoglienza

Considera l'onboarding di nuove assunzioni: i nuovi assunti sono facilitati nelle cose. Sono formalmente accolti e c'è un piano chiaro per il loro viaggio. A volte, può essere necessario più di un mese per assumere completamente i nuovi dipendenti. Con i genitori che se ne sono andati per tutto il tempo che sono - e il cambiamento mentale che si verifica quando cambiamo marcia dal solo lavoro al lavoro e alla crescita di una famiglia - è necessario un sistema simile.

Per il 2017 di Sprout Hack Day progetto, ho lanciato l'idea di reinserire i nuovi genitori al lavoro. Ho iniziato con una semplice domanda: di cosa hanno bisogno i genitori quando tornano a lavorare? Con diversi colleghi, abbiamo sviluppato un piano di benvenuto che include: un pranzo per incontrare i genitori con i loro team, una cornice per nuove foto di famiglia e un mentore non manager per il check-in regolare.

Abbiamo portato il nostro piano Hack Day a Maureen Calabrese, il nostro Chief People Officer. Non avevamo mai affrontato questo argomento con il team People prima, quindi la loro disponibilità a lanciare il nostro piano è sembrata un trionfo. Ed è un supporto così, da persone come il mio capo, il nostro CPO, quello sollevare iniziative come questa dal terreno.

Quello che era iniziato come un progetto di un giorno è ora un gruppo di risorse aziendali, che individua esigenze più ampie da affrontare oltre ai pranzi di bentornato. Il passaggio successivo del gruppo è organizzare coorti di genitori e formazione per manager: Come educiamo i manager a responsabilizzare e sostenere i genitori? Come possiamo garantire che i genitori non siano sopraffatti dal primo giorno e abbiano le risorse di cui hanno bisogno oltre la prima settimana?


246 numero angelico

Questo lavoro non si ferma a Sprout. Con i nostri piani come punto di partenza, ora mi rivolgo alla mia rete per vedere chi altro può beneficiare di queste risorse. Tramite altri, possiamo tutti continuare a migliorare i piani che le nostre organizzazioni hanno messo in atto per aiutare i nuovi genitori.

Un gruppo come questo è più di una risorsa: è un'ancora di salvezza e uno spazio sicuro al lavoro per conversazioni difficili. Oltre al carico di lavoro, i genitori che lavorano si occupano di bambini con coliche, aborti spontanei, infertilità, argomenti che la maggior parte non porterebbe alla loro squadra. Ma una nuova coorte di genitori, ad esempio, è il luogo in cui le persone possono scambiare comodamente idee e apprendere modi per raggiungere un vero equilibrio tra lavoro e vita privata.

Quando i nuovi genitori hanno accesso a strumenti, risorse e supporto simili che i nuovi dipendenti ricevono nelle prime settimane di lavoro, sono più concentrati e coinvolti. E le aziende traggono vantaggio da tassi di fidelizzazione elevati e dipendenti soddisfatti.


numero maestro 77

Perché le aziende dovrebbero preoccuparsi

Ci sono aziende che lo stanno facendo bene?

Sì, ci sono luoghi di lavoro che hanno riaccolto i genitori in modo premuroso e con successo nel mondo del lavoro. Il problema è che troppo pochi lo fanno. Il mondo non smetterà di procreare, quindi le aziende devono essere intelligenti nel riacclimatare i nuovi genitori al loro nuovo mondo.

Prendi una pagina da quattro grandi società di contabilità, PwC. Lo hanno calcolato costa all'azienda circa $ 120.000 per ogni dipendente che sceglie di non tornare al lavoro dopo aver accolto un nuovo figlio. Tra gli altri vantaggi per la famiglia, l'azienda ha avviato un programma Mentor Moms, associando nuove mamme con altre mamme lavoratrici all'interno dell'azienda. Ha dato loro qualcuno con cui confidarsi sulle difficoltà uniche di navigare sia in una nuova famiglia che in una vita lavorativa praticamente irriconoscibile.

Non ogni passo verso la conservazione sarà un piano di ritorno al lavoro completamente sviluppato. Alcune aziende sono venute a sostenere i genitori che lavorano con vantaggi come i programmi di assistenza all'infanzia. Nomi importanti come Netflix e Microsoft fornire generose politiche di congedo retribuito e HP offre servizi di convenienza gratuiti per assistere con le commissioni. È un vantaggio che consente ai genitori di evitare di perdere il lavoro quando i loro figli erano malati o la loro regolare assistenza all'infanzia non era disponibile. Aziende in tutto il paese stanno implementando programmi come questo e altri vantaggi inclusivi per trattenere meglio i dipendenti e mitigare lo stress che i nuovi genitori sperimentano quando riprendono il lavoro.


447 numero angelico

L'anno scorso, Sprout ha avuto 30 nuovi genitori, un numero che è triplicato anno dopo anno. È probabile che anche la tua forza lavoro stia maturando. Ha senso solo gettare le basi per sostenerli prima di finire con un baby boom che non sei in grado di gestire.

Equità reale

Dare la priorità ai nuovi genitori sul posto di lavoro è un forma di equità . Qualsiasi organizzazione che si impegna a questo valore dovrebbe dedicare risorse per portare i genitori al passo con i tempi quando si ricongiungono alla forza lavoro.

Non avevo bisogno di far parte del team People per avere voce in capitolo in questa faccenda. Non sono andato alle risorse umane e ho detto: 'Ehi, dovresti pensare all'onboarding di nuovi genitori'. Ho notato una lacuna in ciò che la mia azienda aveva da offrire ai nuovi dipendenti genitori e ho fatto del mio meglio per colmarla. Non era solo per me o per altri neogenitori, era per avvantaggiare l'organizzazione nel suo insieme.

Se vuoi che la tua attività sia più umana, devi investire nei tuoi umani. E non c'è niente di più umano che riconoscere che crescere e fare passi da gigante nella tua carriera è un lavoro in sé.

A quanto pare, ci vuole un villaggio per crescere un bambino ... e il loro genitore.